Scoperte annunciate a colpi di 'sigma'

Contributo di G. D'Agostini agli Incontri di Fisica 2012


Abstract

La fisica di frontiera è caratterizzata da ricerche al limite della sensibilità strumentale e dal fatto che i fenomeni cercati possono essere 'mimati' da altri meno interessanti ('fondo'). Ne deriva che è impossibile arrivare a conclusioni logicamente certe, e si deve ricorrere a metodi statistici. Si sente allora parlare di evidenze sperimentali a 'n sigma'. Cosa significano? Il 2011 è stato un anno sotto questo aspetto esemplare. I neutrini superluminari di Opera erano dati a 10 sigma,(*) mentre una nuova particella al Fermilab che avrebbe rivoluzionato la fisica a 3 sigma, più o meno come il bosone di Higgs al CERN.

Ad oggi soltanto l'Higgs è sopravvissuto, corroborato a 7-8 sigma (ma allora potrebbe ancora fare la stessa fine dei neutrini 'troppo veloci'?). Insomma, cosa rappresentano queste sigma e che informazione ci danno sulla probabilità che quanto annunciato sia veramente una scoperta e non l'ennesimo falso allarme?

[(*) Per la precisione, le sigma erano 6, vedi sotto.]


Lucidi (pdf, 1.7MB)
Video (versione locale, solo video, 1.4G)

Approfondimenti


Sul test dell'AIDS (lasciato come esercizio)


Supporto R